Astronomy Forum ADIA - Forum Astronomia  Forum Index Astronomy Forum ADIA - Forum Astronomia

 
 FAQFAQ   SearchSearch   MemberlistMemberlist   UsergroupsUsergroups   RegisterRegister 
 ProfileProfile   Log in to check your private messagesLog in to check your private messages   Log inLog in 

Fast radio bursts (veloci radioLampi) tecnologia aliena?

 
Post new topic   Reply to topic    Astronomy Forum ADIA - Forum Astronomia Forum Index -> Vita altrove
View previous topic :: View next topic  
Author Message
Riccardo Giuliani
Site Admin


Joined: 04 Oct 2006
Posts: 6389
Location: Polignano a Mare (Bari)

PostPosted: Tue Mar 14, 2017 12:14 pm    Post subject: Fast radio bursts (veloci radioLampi) tecnologia aliena? Reply with quote

---

L'articolo è autorevole e fortemente intrigante, dalle pagine del sito ufficiale del > Center for Astrophysics dell’Harvard-Smithsonian.
.
https://www.cfa.harvard.edu/news/2017-09


.

.
(traduzione maccheronica Smile )
.
Cambridge, MA -

La ricerca di intelligenza extraterrestre ha rguardato diversi segni di vita aliena, da trasmissioni radio a lampi laser, senza successo.

Tuttavia, la ricerca pubblicata recentemente suggerisce che i fenomeni misteriosi chiamati "veloci raffiche radiofoniche" potrebbero essere la prova di tecnologia aliena avanzata.

In particolare, queste esplosioni potrebbero essere dovute a trasmettitori planetari che alimentano sonde interstellari in galassie lontane.

"Flash in gamma radio sono estremamente luminosi data la loro breve durata e l'origine a grandi distanze, e non hanno identificato con certezza una possibile fonte naturale", ha detto il teorico Avi Loeb del Centro Harvard-Smithsonian per l'Astrofisica.
"Vale la pena di contemplare e controllare un origine artificiale."

Come suggerisce il nome, flash radiofonici veloci hanno durata di millisecondo. Scoperti nel 2007, meno di due dozzine di essere scoperto dal radiotelescopi giganteschi come l'Osservatorio di Parkes in Australia o l'Osservatorio di Arecibo a Porto Rico.
Si deuce che essi provengono da galassie lontane a miliardi di anni luce di distanza.

Loeb e il suo co-autore Manasvi Lingam (Harvard University) hanno esaminato la fattibilità della creazione di un trasmettitore radio abbastanza forte per essere rilevabile attraverso tali distanze immense.

Essi hanno scoperto che, se il trasmettitore fosse a energia solare, la luce solare che colpisce una superficie di un pianeta doppio delle dimensioni della Terra sarebbe sufficiente per generare l'energia necessaria.
Tale, vasto progetto di costruzione è ben oltre la nostra tecnologia, ma all'interno del regno della possibilità secondo le leggi della fisica.

Lingam e Loeb hanno anche considerato se tale trasmettitore sarebbe ralizzabile da un punto di vista ingegneristico, o se le tremende energie coinvolte potrebbero sciogliere qualsiasi struttura sottostante.

Ancora una volta, hanno trovato che un dispositivo di raffreddamento ad acqua di dimensioni doppie della Terra potrebbe sopportare il calore.

Hanno poi chiesto, perché costruire un tale strumento, in primo luogo? Essi sostengono che l'uso più plausibile di tale potere sta guidando le vele di luce interstellari.

La quantità di energia coinvolta sarebbe sufficiente per spingere un carico utile di un milione di tonnellate, ovvero circa 20 volte più grandi navi da crociera sulla Terra.

"E 'abbastanza grande per il trasporto di persone che vivono in tutta distanze interstellari o anche intergalattici", ha aggiunto Lingam.

Per alimentare una vela di luce, il trasmettitore dovrebbe concentrarsi un fascio su di esso continuamente.

Gli osservatori sulla Terra vedrebbe un breve lampo, perché la vela e il suo pianeta ospite, stelle e galassie sono tutti in movimento rispetto a noi.

Di conseguenza, il fascio spazza attraverso il cielo e verso il punto nella nostra direzione per un istante.

Apparizioni ripetute del fascio, sono stati osservati, e non possono essere spiegati da eventi catastrofici astrofisici, potrebbero fornire importanti indizi circa la sua origine artificiale.

Loeb ammette che questo lavoro è speculativo.
Alla domanda se crede davvero che eventuali esplosioni radiofoniche veloci sono dovuti agli stranieri, ha risposto, "La scienza non è una questione di fede, è una questione di prove. Decidere cosa è probabile prima del tempo limita le possibilità. Vale la pena di mettere idee fuori lì e lasciare che i dati facciano da giudice ".

Il lavoro è stato accettato per la pubblicazione sulla rivista Astrophysical Journal Letters ed è disponibile on-line.

Con sede a Cambridge, Mass., l'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CFA) è una collaborazione tra la Smithsonian Astrophysical Observatory e l'Harvard College Observatory.
Scienziati CFA, organizzati in sei divisioni di ricerca, studiare l'origine, l'evoluzione e il destino ultimo dell'universo.


...
_________________
.
--- Cieli e giorni sereni - Riccardo Giuliani -
.
http://www.aeritel.com - Telescopi e dintorni - Nick Skype > aeritel
.
Back to top
View user's profile Send private message Send e-mail Visit poster's website
Display posts from previous:   
Post new topic   Reply to topic    Astronomy Forum ADIA - Forum Astronomia Forum Index -> Vita altrove All times are GMT + 1 Hour
Page 1 of 1

 
Jump to:  
You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot vote in polls in this forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group